top of page
  • Immagine del redattoreK3 Progetti e Soluzioni

100 giorni con un chip nel cervello


100 giorni con un chip nel cervello: questa è la storia di Noland Arbaugh, il primo paziente al mondo ad essersi fatto installare il chip Telepathy di Neuralink, azienda di neuroscienze fondata da Elon Musk che si occupa di interfacce sistema nervoso-computer.


Grazie a questo impianto, il ventinovenne che da 8 anni è tetraplegico a causa di un incidente in piscina può comandare i dispositivi digitali con la sua mente.


Dalle dimensioni di un bottone, Telepathy è composto da una capsula esterna biocompatibile, una batteria wireless, il chip e la parte elettronica: è stato creato allo scopo di garantire alle persone con una mobilità ridotta o assente di poter utilizzare e controllare dispositivi hitech in autonomia.


Nolan, che ama gli scacchi ed è ora in grado di muovere le pedine con il solo pensiero, è il primo partecipante a questo studio rivoluzionario, ancora in fase di studio e potenziamento: “100 giorni di successo” ha postato pochi giorni fa Elon Musk dal suo account X.



3 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page